poesia: aldo valente - Associazione Foresta Club di Cervaro

Vai ai contenuti

GL’ CIEL’ –R’ - UOIA


Mit s’à regna e chiur- la reglia,
gliù ciel s’mbroglia.
Chiù s-và nnanz chiù semm rannat
Stu ciel ch’l’aria stann nncazzat ,
pur a is hann ruvinat’.

Ah, na vota, agl’ tiemp chiù biegl’
, Giugn’ cuntient c’reva spranz. Gliù sol’(e)
cuceva e tutt’addurava, sapiv sicur ch’era tiemp r-met’,
senza n’ccertezz (e), raccugliv l’ran!!

Che sol’ a giugn’ che trescat’ (e), felic’ raccugliv’quell’ ch’siv semmnat’.
Ma…. uoia, addo stann chell’ Iurnat’(e) ????…..Sò cuntadin ra quann so’ nat’
mai agg’vist gliù ciel n’guaiat.
L’aria grigia e puzzulent’ (e), è dannata; ch-’ chi t’la- pigl’
s’ l’ stagion’(i) sonch cagnat’(e)!!

Uarda gliù ciel e pensa luntan,…. cà ormai arret’n-’s- torna, gl’buc agl’ciel, ormai
è n’grandit’(o ) e t-ric’ sincer’(o) cà gliù prugress’ è fallit’ (o).
I’(o) cuntadin gnurant’ , fin a uoia n’er capit !!!

Ma mò’ ch’sonc- crisciut, ric- al progress’
n,tagg accettat’ (o) e jetta lu v-len’ a chi t’ha criat’ (o).
S-fuss p-mè ! gliù ciel r-uoia n’fuss bucat’ (o)!
Ma azzurro e stellat’(o) comm –a’ quann’ i’ era nat’(o). 

(mag. 2008 – Aldo Valente)

TRADUZIONE

IL CIELO DI OGGI 

Metti il fascio di grano e chiudi il covone (operazione per evitare la penetrazione della pioggia)
Perché il cielo s’imbroglia (si guasta – minaccia pioggia)
Più si và avanti, sempre più dannati.
Questo cielo e l’aria sono arrabbiati, anche a loro hanno rovinato.

Ah! una volta, al tempo più bello,
Giugno contento ci dava speranza. Il sole
cuoceva e tutto odorava, sapevi sicuro che era
Il tempo di mietere; senza incertezze raccoglievi
Il grano.

Che sole a giugno, che trebbiate! Felice raccoglievi
ciò che avevi seminato.
Ma oggi, dove stanno quelle giornate?
Sono contadino da quando sono nato, mai ho visto il cielo inguaiato!

L’aria grigia e puzzolente, è dannata ! Con chi te la prendi se le stagioni
sono cambiate ?

Guarda il cielo e pensa lontano che ormai, indietro non si torna,
il buco al cielo ormai si è ingrandito, ti dico sincero che il
progresso è fallito.
Io contadino ignorante, fino ad oggi non avevo capito!
Ma adesso che sono cresciuto, dico al progresso, non ti ho accettato
e butta il veleno a chi ti ha creato.

Se fosse per me , il cielo di oggi non sarebbe bucato, ma
azzurro e stellato come quando sono nato.

Torna ai contenuti