riflessioni poetiche - Associazione Foresta Club di Cervaro

Vai ai contenuti
VARIE

GL’ CIEL’ –R’ - UOIA


Mit s’à regna e chiur- la reglia,
gliù ciel s’mbroglia.
Chiù s-và nnanz chiù semm rannat
Stu ciel ch’l’aria stann nncazzat ,
pur a is hann ruvinat’.

Ah, na vota, agl’ tiemp chiù biegl’, Giugn’ cuntient c’reva spranz. Gliù sol’(e)
cuceva e tutt’addurava, sapiv sicur ch’era tiemp r-met’,
senza n’ccertezz (e), raccugliv l’ran!!

Che sol’ a giugn’ che trescat’ (e), felic’ raccugliv’quell’ ch’siv semmnat’.
Ma…. uoia, addo stann chell’ Iurnat’(e) ????…..Sò cuntadin ra quann so’ nat’
mai agg’vist gliù ciel n’guaiat.
L’aria grigia e puzzulent’ (e), è dannata; ch-’ chi t’la- pigl’
s’ l’ stagion’(i) sonch cagnat’(e)!!

Uarda gliù ciel e pensa luntan,…. cà ormai arret’n-’s- torna, gl’buc agl’ciel, ormai
è n’grandit’(o ) e t-ric’ sincer’(o) cà gliù prugress’ è fallit’ (o).
I’(o) cuntadin gnurant’ , fin a uoia n’er capit !!!

Ma mò’ ch’sonc- crisciut, ric- al progress’
n,tagg accettat’ (o) e jetta lu v-len’ a chi t’ha criat’ (o).
S-fuss p-mè ! gliù ciel r-uoia n’fuss bucat’ (o)!
Ma azzurro e stellat’(o) comm –a’ quann’ i’ era nat’(o). 

(mag. 2008 – Simeone di Foresta )

Traduzione 

IL CIELO DI OGGI 

Metti il fascio di grano e chiudi il covone (operazione per evitare la penetrazione della pioggia)
Perché il cielo s’imbroglia (si guasta – minaccia pioggia)
Più si và avanti, sempre più dannati.
Questo cielo e l’aria sono arrabbiati, anche a loro hanno rovinato.

Ah! una volta, al tempo più bello,
Giugno contento ci dava speranza. Il sole
cuoceva e tutto odorava, sapevi sicuro che era
Il tempo di mietere; senza incertezze raccoglievi
Il grano.

Che sole a giugno, che trebbiate! Felice raccoglievi
ciò che avevi seminato.
Ma oggi, dove stanno quelle giornate?
Sono contadino da quando sono nato, mai ho visto il cielo inguaiato!

L’aria grigia e puzzolente, è dannata ! Con chi te la prendi se le stagioni
sono cambiate ?

Guarda il cielo e pensa lontano che ormai, indietro non si torna,
il buco al cielo ormai si è ingrandito, ti dico sincero che il
progresso è fallito.
Io contadino ignorante, fino ad oggi non avevo capito!
Ma adesso che sono cresciuto, dico al progresso, non ti ho accettato
e butta il veleno a chi ti ha creato.

Se fosse per me , il cielo di oggi non sarebbe bucato, ma
azzurro e stellato come quando sono nato.

Tristezza Infinita

Come non mai piegasti la mia volontà,
violando ogni mia convinzione.
Sapevi di poter giocare con le mie fragilità
di padre pieno d’amore.
Non ti sei fermato neanche davanti, alla sofferenza,
al dolore , di un padre che sa di un figlio infelice.
La tua infelicità è la mia, le tue lacrime sono lame taglienti
conficcate nel cuore .
Inconsapevole, sei infelice all’affannosa ricerca di
una serenità negata.
Non serve scavare nella mente, non trovo niente,
nulla mi aiuta nel ragionamento, sono confuso,
senza riferimento, la testa mi scoppia .
Il perché, celato nella tua mente
non mi da tregua, mettendomi al muro.
Non voglio che soffri, non ti voglio infelice , se una stella
potesse cambiarti e farti sereno , darei la mia vita per fartene dono.

Febbraio XIII 

Ghino di Tacco

Privacy Policy
Cookie Policy
Torna ai contenuti